venerdì 11 novembre 2011

2 banane in coma

Ogni sabato mattina, al supermercato, immancabilmente vengono fuori gli istinti finto-salutisti del maschio alfa che ogni volta mi convince a comprare l'equivalente di un casco di banane, adducendo come motivazione che le mangerà tutte lui prima di andare all'allenamento. Considerando che praticamente è l'unico frutto che riesce a buttar giù non mi faccio mai pregare. Il problema è che una volta che il casco di banane è stato adagiato nel portafrutta, ma non è più così ben illuminato dai faretti del supermercato, sembra perdere parte del suo sex appeal, tanto che, con l'andare del tempo, prima dell'allenamento, il maschio alfa inizia a preferire altre vivande tipo pane e prosciutto!!! E io resto lì, solitaria testimone del lento decadimento delle povere banane: la buccia diventa prima gialla, poi compaiono quelle macchioline marroni che diventano sempre più grandi, fino a che non sembrano carbonizzate, se non fosse per la consistenza budinosa del loro interno.
"A me così non piacciono!"... "E te credo!" mi verrebbe da rispondere. Fatto sta che queste poverelle restano lì fino a che non decido di mangiarle io (magari frullate con il latte) o di farle pietosamente sparire nel cestino. Ma in cucina odio buttare via. E allora magari un dolcino? Solo che spesso, di ritorno da lavoro, stanca e coi capelli ritti, guardo la cucina senza nemmeno vederla e mi dirigo verso il frigo per qualcosa che non preveda l'accensione di fornelli e imbrattamento di mille tegami. In questi casi chi ce l'ha la voglia di preparare qualcosa extra-sopravvivenza? Il divano è così morbido e confortevole: mi attira come il canto di una sirena tanto che per diverse sere ho preferito desistere dal preparare il fantomatico dolce cui erano destinate le 2 sventurate banane che, nel frattempo, sono entrate definitivamente in coma. Stavo per buttarle quando mi sono imbattuta in questa ricetta: un plumcake con le banane e la cannella da fare con il mixer! Bello! Solo che...niente burro e la farina bianca non era abbastanza. Col cavolo che vado a far la spesa! Avevo la metà degli ingredienti previsti ma visto che la panna stava per scadere e in dispensa avevo un po' di avanzi  ho pensato bene di fare qualche variazione da vero Homo Oeconomicus: massimo risultato con il minimo sacrificio!
Voilà: un velocissimo, morbidissimo e profumato plumcake, con pezzettini di mandorla e cioccolato che lo rendono ancora più goloso.Un inno per tutti i golosi "accidiosi"!


PLUMCAKE PANNA e BANANE


Ingredienti:
2 uova
2 banane stramature
200 g farina bianca
60 g farina integrale
10 mandorle pelate
50 g cioccolato bianco
125 ml panna fresca
100 g zucchero
1 bustina vanillina
1 bustina lievito
cannella in polvere (per me un cucchiaino raso)
sale (un pizzico)

Mettere tutti, ma proprio tutti, gli ingredienti nel mixer, azionare alla massima velocità fino a che il composto non è omogeneo. Foderare uno stampo da plumcake con carta da forno e versare il composto ottenuto all'interno. Cuocere in forno preriscaldato a 180° C per 45 minuti. Sfornare, lasciare raffreddare e gustare a colazione, merenda, dopo pranzo....
Buon appetito!


Plumcake panna e banane

Con questa ricetta accidiosa partecipo al contest di Ely


al contest di Dolci ricette


e al contest di Dolci creazioni e non solo


Partecipo anche al contest di Una pasticciona in cucina


15 commenti:

  1. Ciao cara l'aspetto è delizioso ma al momento non ho tempo di leggere tutto il post...quindi passo di nuovo a trovarti...ciao ciao :)

    RispondiElimina
  2. Ahahaahahahah hai fatto bene ad utilizzarle per questo plum cake.. non se butta nulla!!!! e mi sembra pure ottimo.. baci e buon w.e. .-D

    RispondiElimina
  3. l'esperimenti da homo oeconomicus direi che è riuscito alla grande!! Complimenti, buon weekend

    RispondiElimina
  4. ma... ma... tutto sto casino e solo due banane di tutto il casco hai usato???? ahahahahah
    mi hai fatto ridere da matti con il tuo post!
    un abbraccio

    RispondiElimina
  5. Ciaooo, bellissimo il tuo blog e questo post è esilarante ahahhaha! Anche io quando torno a casa la sera nemmeno cenerei per la stanchezza, ma tu sei stata bravissima anche a reinventare una ricetta ;) santa Donna!
    la ricetta però me la copio il sabato ho un pò più di tempo e due banane stramature ci sono sempre in casa BACIIII

    RispondiElimina
  6. Anche mio marito compra sempre banane che poi si rovinano ogni volta.
    Perfetto riciclo brava!

    RispondiElimina
  7. beh tesoro il maschio alfa ha fatto bene a lasciarle lì morenti..guarda in che cosa le hai trasformate!Bravissima!

    RispondiElimina
  8. Grazie per aver partecipato...
    buonissimo questo plumcake!!
    in bocca al lupo!!

    RispondiElimina
  9. Super ilarità!!! mi fai morire come sempre, fantastico dolcino...a volte dai tentativi nasce il meglio...così, dicono, son nate anche le più grandi invenzioni... e dintuite le più grandi scoperte... uomo sotto l'albero, mela che cade in testa.... ah ahah !!!

    RispondiElimina
  10. Queste sono soddisfazioni...adattare un dolce con quello che si ha,ragionarci e vedere che viene fuori una bonta'...pura bravura!!! ;-))

    RispondiElimina
  11. Esperimento riuscito cara :) Deve essere morbidissimo e buonissimo, poi le banane sono buonissime e in questo dolce ci stanno più che bene!! Anche da me ci sono spesso casi di coma-banane, ma con delle amiche come voi ho già il rimedio per animarle la prossima volta!!! Baciii

    RispondiElimina
  12. Molto accidioda ma molto golosa! La banana nei dolci mi piace tantissimo!!!!!!! Grazie di cuore per aver partecipato! un bacione Ely

    RispondiElimina
  13. opss... volevo dire accidiosa :-))))

    RispondiElimina
  14. Sarà fatto con ingredienti di fortuna, ma è proprio bello e penso buonissimo! Buona domenica, possibilmente pigrissima...

    RispondiElimina
  15. complimenti per l'idea, ecco un modo goloso di consumare le banane ; grazie mille per aver partecipato , ti ho subito inserita , buona serata, a presto .

    RispondiElimina