giovedì 24 novembre 2011

Propositi paradisiaci

Sta per iniziare un momento molto caldo per me: ho un sacco di amici e parenti che compiono gli anni in questo periodo e a ognuno di essi mi piacerebbe preparare la torta che preferiscono. Mi sono già rimboccata le maniche: le idee ci sono, manca solo il tempo per realizzarle tutte!!!
Nelle ultime due settimane mi sono cimentata con le mie prime due torte farcite rispettivamente per il compleanno del nipotino e di mia mamma: torta Paradiso farcita con crema Rocher. Premetto che non avevo mai provato la crema Rocher ma è stato amore al primo assaggio: credo che, spalmata con questa crema, sia buona anche una ciabatta! Lo stesso non si può dire della torta che mi ha dato non pochi pensieri. Ricordavo di averla fatta svariati anni fa, seguendo la ricetta di un inserto di giornale, ed era venuta spettacolarmente soffice. Mi ripromisi di rifarla al più presto ma, come spesso accade, tra il dire e il fare... c'è di mezzo il mare. Tant'è che sono trascorsi anni! Il punto della questione è che sebbene sia una base più che dignitosa per accogliere la crema rocher, con me è stata un pò timida e non ha esibito la sofficità che ricordavo.
Per la prima torta ho dato la colpa al fatto che non avevo montato bene il burro: pur avendolo lasciato un intero pomeriggio fuori dal frigo non si era ammorbidito granchè e nella fase cruciale mi si è rotta una frusta elettrica (devo proprio decidermi ad accendere il riscaldamento!). Morale della favola: ho cercato di rendere cremoso il burro a mano, con il cucchiaio di legno. Forse sarebbe stato più semplice se avessi cercato di montarlo usando la telepatia! Infatti la torta è risultata un po' asciutta. Al secondo tentativo (per mia mamma) ho fatto ammorbidire bene il burro e l'ho lavorato per 5 minuti buoni con le fruste elettriche...niente! Stesso risultato della volta precedente. Grrrrrrrr!!!!!
Sia ben chiaro: non è che fosse dura come un panchetto ma non era come volevo. Certo è che non ho intenzione di arrendermi e prima o poi preparerò di nuovo una sofficissima torta Paradiso!

TORTA PARADISO alla CREMA ROCHER

Ingredienti:
(per la torta)
250 g burro
6 tuorli
3 albumi
120 g farina
120 g fecola di patate
200 g zucchero
mezza bustina lievito in polvere
1 bustina vanillina
sale
1 bicchierino di panna fresca (facoltativo)

Tagliare il burro a dadini e lasciarlo ammorbidire a temperatura ambiente. Montare il burro a lungo con una frusta elettrica (una decina di minuti) fino a che non diventa liscio e cremoso. Aromatizzare la crema di burro con la vanillina (o a piacere con la scorza grattugiata di un limone o di un'arancia). Unire i tuorli uno per volta amalgamando bene prima di aggiungere il successivo. Aggiungere lo zucchero e mescolare bene. A parte mescolare la farina, la fecola e il lievito e unire tutto al composto di burro. Se il composto diventa troppo denso e difficile da amalgamare unire lentamente qualche cucchiaio di panna fresca. Montare gli albumi con un pizzico di sale a neve ben ferma e incorporare lentamente all'impasto con movimenti dal basso verso l'alto. Versare l'impasto in uno stampo circolare di 24 cm imburrato e infarinato (o in uno stampo in silicone, come nel mio caso) e infornare a 170°C per 50 minuti. Sformare e lasciare raffreddare.

(per la crema Rocher):
250 g mascarpone
un bicchiere nutella
100 ml panna fresca
40 g granella di nocciole
mezza confezione wafer alla nocciola

Mescolare il mascarpone con la nutella e la granella di nocciole. Aggiungere i wafer sbriciolati. Montare la panna fresca e aggiungerla lentamente alla crema. Lasciare raffreddare circa mezz'ora in frigo e poi usare la crema per farcire la torta dopo averla tagliata a orizzontalmente.

Ho decorato la prima torta (chi indovina il nome del nipotino è bravo!!!) con crema rocher, lingue di gatto, nocciole intere e cioccolato bianco fuso con panna (usato per fare le scritte con una sac a poche).



 

La seconda torta, invece, l'ho decorata fondendo 100 g di cioccolato fondente con 100 ml panna fresca. Dopo aver ricoperto la torta con questa glassa e averla fatta freddare ho disegnato sulla superficie usando una sac a poche col beccuccio stretto riempita con cioccolato bianco fuso con qualche cucchiaio di latte e rum.


Non avrà l'aspetto di una torta di pasticceria ma io ne sono comunque molto orgogliosa, oltre al fatto che entrambe hanno riscontrato notevole successo tra parenti e amici!


Dato che queste ricette sono state preparate per festeggiare due compleanni, ne approfitto per festeggiare un altro compleanno, quello del blog Sapori e dolce vita e partecipare al suo giveaway.



Partecipo anche al contest di Una pasticciona in cucina!


e al contest del Molino Chiavazza sulle torte di compleanno

10 commenti:

  1. super complimenti!!!veramente belle ed invitanti!

    RispondiElimina
  2. Ciao, e grazie di partecipare al mio Giveaway :-)
    buon compleanno ai tuoi cari
    a presto e...buona fortuna!!

    RispondiElimina
  3. Dolcissime dolcezze...complimenti per l'ottima riuscita :)

    Buon week end

    RispondiElimina
  4. Quanto è bona la crema rocher!!!! ho farcito con questa crema un dolce portato il giorno di Natale dell'anno s orso.. una vera bontà! Cmq a vederla è fanatstica la tua! baci e buon w.e. .-)

    RispondiElimina
  5. A parte che sono veramente belle e quella crema rocher dev'essere qualche cosa di paradisiaco ^_^....per quanto riguarda la "pesantezza" della base...e provare a mettere una bustina intera di lievito? Ciao cara!!

    RispondiElimina
  6. Per essere belle, sono bellissime e forse l'idea di una bustina intera di lievito potrebbe essere davvero utile. Baci buon we a presto

    RispondiElimina
  7. Aggiudicato!La prossima voltaprovo con una intera bustina di lievito!

    RispondiElimina
  8. Sei proprio una perfezionista come me!!! a me sembra bellissima!!

    RispondiElimina
  9. che meraviglia queste 2 torte e che golosità , il ripieno è fantastico ; grazie mille per aver partecipato , inserita !!
    A presto

    RispondiElimina